LA MASCHERA DELLA VIOLENZA (2)

Precedenti capitoli:

La maschera della violenza &

Ma nel futuro si può sperare?

Certo che no se è la violenza a parlare…

Prosegue in:

Il martello delle streghe (& stregoni…)

Da:

i miei libri

 

 

oppido-mamertina-processione-900x400

 

 

 

 

 

… Da quando l’idea della personalità si è impossessata degli uomini,

su di loro grava la necessità di proteggere la loro peculiarità. Adesso

la maschera non libera più gli impulsi inibiti, ma li nasconde.

Sul volto si mostra la corazza dell’autocostrizione. La mimica, che

prima si accompagnava al mascheramento, ora si adegua alla ge-

stualità.

La presenza incantatrice della maschera si trasforma nella distanza

sociale del modo di apparire quotidiano. L’espressione diventa rappre-

sentazione, l’emozione dramma, il volto una maschera.

La società-bene, quella della casta per intenderci, e non solo quella,

(organizza mostre per la morte di Pasolini dopo averlo ucciso migliaia

di volte sullo stesso terreno; vende Cristo ed i suoi libri eretici al banco

della meccanica bomba in maschera, ballo mascherato della grandi

celebrità bisognose di attenzioni e valide protezioni…) condivide con i

critici l’ostilità per la maschera.

L’attività della critica all’ideologia e al potere è quella di smascherare,

svelare e scoprire le intenzioni e gli interessi nascosti.

Anch’essa, tuttavia, crede nell’unica vera realtà che si ottiene rove-

sciando la rappresentazione. Dietro le quinte del decoro ipotizza l’in-

teresse personale e il bieco risentimento.

La veridicità delle maschere caratteriali è solo simulata, la parola d’-

onore è una menzogna. L’innocenza è finzione, i sentimenti intimi non

sono che mosse studiate a tavolino e ripetute al telefonino, (comanda-

te dal puparo di turno – voto di scambio artificio mascherato al ballo del

nuovo miracolo politico mafioso pasciuto ed anche risoluto padrino di

turno, dopo l’inchino al boss divino…. Cristo lo prega per una nuova

umil offerta….).

Certo l’indignazione e lo spavento sono grandi, quando la facciata si

sgretola e, sotto la mascherata della civiltà, viene alla luce la smorfia….

(Proprio quella ci allieta, cara congrega, senza di essa mai potremmo

scrivere di essa, la storia, che con la bocca così storta si inchina alla

porta della peggior mafioso della storia, è proprio quella la moneta e la

maschera che il popolo venera da quando urlò Barabba al mondo in

pena:  Dio ancora non è morto oh popolo che così componi la tua im-

monda preghiera, maschera della storia….).

(W. Sofsky, Il paradiso della crudeltà)

 

 

 

 

 

0

 

LA MASCHERA DELLA VIOLENZA (2)ultima modifica: 2014-07-25T00:08:20+02:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento