AMMAZZARE IL TEMPO: motore immoto (23)

Precedenti capitoli:

Nuova cosmologia compiuta (18/19) &

Dall’Alchimia….  All’ Algenia (20/21) &

Motore immoto (22)

Prosegue in:

La scienza Sacra (25/24)

Foto del blog:

Motore immoto (1) &

La scienza Sacra (2)

Da:

i miei libri

 

 

giotto4

 

 

 

 

(Da: Motore immoto….)

La ragione naturale, però, è deficiente nelle cose di Dio; può

dimostrare alcune parti della fede, ma non altre. Può dimo-

strare l’esistenza di Dio e l’immortalità dell’anima, ma non la

Trinità, l’Incarnazione o il Giudizio finale.

Tutto ciò che è dimostrabile è in accordo con la fede cristiana,

e nulla nella rivelazione è contrario alla ragione. Me è importan-

te distinguere gli argomenti di fede che possono essere dimo-

strati mediante la ragione, da quelli che non lo possono.

 

giotto5

 

Di conseguenza, dei quattro libri in cui è divisa la ‘Summa’, i

primi tre non fanno alcun richiamo alla rivelazione, fuorché per

mostrare che essa è in accordo con le conclusioni cui giunge

la ragione; soltanto nel quarto libro sono trattate materie che è

impossibile alla ragione umana comprendere al di fuori della

rivelazione.

Il primo passo è dimostrare l’esistenza di Dio.

 

giotto3

 

Alcuni pensano che questo non sia necessario, dato che l’esi-

stenza di Dio (essi dicono) è evidente di per se stessa. Se noi

conoscessimo l’essenza di Dio, ciò sarebbe vero, dato che in

Dio, essenza ed esistenza sono una cosa sola.

Ma noi non conosciamo la Sua essenza, se non molto imper-

fettamente. I dotti conoscono più della Sua essenza che non

gli ignoranti, e gli angeli la conoscono più di entrambi questi

ultimi ma nessuna creatura la conosce abbastanza da poter

dedurre l’esistenza di Dio dalla Sua essenza.

 

giotto1

 

Quindi è respinto l’argomento ontologico.

E’ importante ricordare che le verità dimostrabili possono an-

che essere conosciute attraverso la fede. Le prove sono diffi-

cili e possono essere capite soltanto dai dotti; ma la fede è

necessaria agli ignoranti, ai giovani e a chi, per le preoccupa-

zioni pratiche, non ha il tempo di studiare la filosofia.

Per loro la rivelazione è sufficiente.

C’è chi dice che Dio è conoscibile soltanto attraverso la fede.

 

giotto14

 

Costoro sostengono che, se i principi della dimostrazione so-

no noti attraverso l’esperienza dei sensi, come è detto nel

‘Secondi Analitici’, tutto ciò che trascende i sensi non si può

dimostrare.

Questo, però, è falso; ed anche se fosse vero, Dio potrebbe

sempre esser conosciuto attraverso i suoi effetti sensibili.

L’esistenza di Dio è dimostrata, come in Aristotele, per mez-

zo dell’argomento del Motore immoto.

 

giotto6

 

Ci sono cose che sono soltanto mosse, ed altre che al tem-

po stesso muovono e sono mosse. Tutto ciò che è mosso,

è mosso da qualcosa, e dato che è impossibile risalire all’-

infinito, dobbiamo arrivare, in qualche luogo, a qualcosa che

muove senza esser mosso.

Questo Motore immoto è Dio.

Si potrebbe obiettare che questo argomento implica l’eternità

del movimento, che i cattolici respingevano. Ma tale obiezione

sarebbe un errore: l’argomento è valido nell’ipotesi dell’eterni-

tà del movimento, ma è soltanto rafforzato dall’ipotesi oppo-

sta, che implica un inizio e quindi una Causa Prima……

(B. Russell, Storia della Filosofia occidentale)

 

 

 

 

giotto13

 

AMMAZZARE IL TEMPO: motore immoto (23)ultima modifica: 2013-12-09T00:03:58+01:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento