OBSESSOS (10)

Precedente capitolo:

Obsessos (9) &

Viaggi onirici (una passeggiata….)

Prosegue in:

L’albero (12/13)

Foto del blog:

Obsessos (9)  &  (10)

Da:

i miei libri

 

 

 eap1.jpgbis

 

 

 

 

 

… Il cielo, la lingua, le produzioni  della Valtellina e dei contadi son quelle

della Lombardia ed alla Lombardia erano state sempre unite, obbedendo

nell’ecclesiastico ai vescovi di Como, nel civile, ai duchi di Milano.

Ma quando questi s’infiacchirono col separare la causa loro da quella dei

popoli, la lasciarono invadere da stranieri…. Le dottrine nuove propagate

nei Grigioni, per la vicinanza, per il commercio, per i magistrati, non tarda-

rono a introdursi nella Valtellina, piacendo ai Grigioni dominatori che que-

sta si allontanasse ognora più dalla Spagna, allora dominatrice indiscus-

sa del Milanese e capitana della parte cattolica fedele al papa.

 

Pietro Autier 0021

 

Adunque a Poschiavo da Rodolfino Landolfo fu piantata la prima stampe-

ria che i Grigioni avessero; e per quanto il papa e il re di Spagna ne recla-

massero, seguitava a diffondere i libri Eretici dei Riformatori per l’Italia; la

valle fu aperta a tutti quegli Italiani che, per sospetto di eresia, erano dalla

patria sterminati…. finché arriviamo al motivo del presente documento

storico: la presunta congiura….

Anche in Valtellina si ha per costante che i Riformati si fossero giurati a

ridurre alla nuova religione la valle, non lasciando razza né generazione

dei Cattolici.

 

pietro autier 005.jpgbis

 

Questo fatto potrebbe, se non giustificare, scusare almeno l’estremità

dei Valtellinesi: nelle suppliche sporte dal clero e nelle delazioni del po-

polo di Valtellina al re cattolico ed al cristianissimo si asserisce circa

questa ‘presunta’ congiura (‘fu fatta una congiura da predicanti et Gri-

gioni, la quale s’esibisce separatamente alla M. V., nella quale fu riso-

luto il clero et nobili della valle… col giorno et ora ne’ quali doveva es-

sere tutto eseguito…’) rilevate dalla errata interpretazione di una o più

lettere dei presunti congiurati…: ‘Se non taglieremo… sarem tagliati

(o forse sarebbe bene dire.. taglieggiati…) oppressi… perseguitati…

 

Pietro Autier 0022

 

Fin qui la lettera.. ora ti par questo l’ordinamento d’una congiura!

Ma nulla fu più facile che ottener pretesto e credenza per siffatta con-

giura e formare una sorta di ‘piccola crociata cattolica’, il cavalier Ro-

bustelli Valdano accozzò nella propria casa a Grosseto alcuni Valtel-

linesi e Abruzzesi di maggior recapito et ignoranza di spirito e li illu-

minò circa i pericoli della patria e della religione romana a cui accor-

reva.

Una misera pace ben si muta anche colla guerra….

Cento mila Cattolici, quanti ne abitano dalle fonti del Liro a quelle del-

l’Adda, elevano un voto solo: cento milioni di Cattolici in tutta Europa

 

Pietro Autier 0014.jpgbis

 

aspettano da noi esempio, e ci preparano applausi e soccorsi, noi

dunque, concorde volere, noi sdegno generoso, noi magnanime s-

peranza, noi armi e bastoni giusti perché necessari, formidabili per-

ché impugnate per la patria e per tutti gli altari del mondo!

Il papa ci benedice, la Spagna ci appoggia, il malaffare ci favorisce…

il mondo ci ammirerà come martiri… come eroi…, noi pugneremo

per la patria e con essa per la fede… urlavano dalla loggia del Ro-

bustelli Valdano….

Ed il macello… il sacro macello della Valtellina ebbe così inizio…

doveva dunque la strage cominciarsi a Tirano, ove aggregati i ma-

 

Pietro Autier 0020.jpgbis

 

nigoldi in casa del Venosta… poi in un sogno pieno di fantasmi e

di paure, quale scorre fra il concepire d’una terribile impresa ed il

compirlo, stettero aspettando l’ora pregna di tanto dubbio avveni-

re, con quel gelo di cuore, con quell’indicibile sospensione d’ani-

mo, che non conosce se non chi la provò….

Là sul biancheggiare dell’alba quattro archibugiate danno il segno

convenuto, le campane suonano a popolo, compunti il cuore di

paura, balzano dal sonno i quieti abitanti, ma come all’uscire a-

scoltano gridare ‘ammazza… ammazza’, e vedono darsi addos-

so agli Eretici Riformatori, ogni cosa è un gridare un fuggire, un

dar di piglio all’armi, chi per difesa, chi per offesa, e piombare so-

vra i nemici, e difendentisi invano, gridanti a Dio mercé della vita

e dell’anima, tra le braccia delle care donne…

 

Pietro Autier 0015.jpgbis

 

Il cancelliere Lazzaroni, valtellinese riformato, fuggì ignudo su per

li tetti, e s’occultò in luogo schifo; ma additato da una donna, fu fini-

to, e con lui un cognato suo cattolico, che gli aveva dato mano al

camparsi. Il pretore Giovanni di Capaul si rendette alla misericor-

dia dei sollevati, ed i sollevati l’uccisero; trascinarono nell’Adda il

pretore di Teglio; al cancelliere Giovan Andrea Cattaneo non val-

se il farsi scudo del petto di una sposa, che pur era cugina del

Robustelli e del Venosta.

Al ministro Basso fu tronca la testa e posta, fra barbari dileggi,

sul pulpito da cui soleva predicare; ben sessanta vennero in di-

versa foggia scannati, fra cui tr donne, e le altre ed i fanciulli

 

Pietro Autier 0026

 

perdonati se abbracciassero la cattolica fede. Il Robustelli, en-

trato a Brusio in val di Poschiavo, schioppettò un trenta perso-

ne, poi mise fuoco al paese, falò, diceva egli, per la ricuperata

libertà di religio! …

Poi per molti giorni, come bracchi entrati sulla traccia, si mette-

vano fuori all’inchiesta i villani ed i loro predicatori Eretici… con

forche e picche, moschetti e crocifissi tutto insieme, facendo

gesti e schiamazzi, ridicoli se non fossero stati così tremendi

nella loro misera calunnia…

Le selve si mutarono in armi, nelle caverne, disputate ai lupi e

 

Pietro Autier 0011.jpgbis

 

agli orsi, si trucidavano freddamente i latitanti, fortunato era in

codesto macello, chi moriva di primo colpo, senza vedersi s-

cannate innanzi le persone care, senza bere a sorsi una mor-

te disperata, straziati a membro a membro coi visceri e col

corpo spaccato dalla polvere accesa nella gola o finiti a basto-

nate dai macellai….

Il Piatti, curato di Teglio, attaccò il dottor Federici di Valcamo-

nica, e fatto il segno della croce quale portava nella mano si-

nistra e una spada nella destra, ammazzò l’eretico Calvino

con altri seguaci; il domenicano Alberto Pandolfi da Soncino,

parroco delle Fusine, con uno spadone a due mani guidava

il suo gregge a trucidare i fratelli di quel Cristo, che aveva det-

to: Non ucciderai!

 

Pietro Autier 0027

 

‘Continui’, intimò con voce roca a Bedloe….

‘Per molti minuti’, continuò quest’ultimo, ‘il mio unico sentimento –

l’unica sensazione – fu di buio, di nullità con la consapevolezza del-

la morte.

Successivamente sembrò che la mia anima fosse scossa da una

violenta, improvvisa scarica, come una scarica elettrica.  Quest’ul-

tima la sentii – non la vidi. Poco dopo mi sembrò di alzarmi da ter-

ra, ma non avevo una presenza corporea, visibile, udibile o palpa-

bile.

La folla era sparita, il tumulto era cessato, la città era in relativa

quiete.  Al mio fianco giaceva il mio cadavere, con la freccia nella

tempia, e tutta la testa molto gonfia e sfigurata.

Tutte queste cose io le sentivo, non le vedevo.

Non mi interessava niente, perfino il cadavere era un oggetto che

non mi interessava. Non avevo alcuna volontà, mi sembrava fos-

si costretto a muovermi e volteggiando nell’aria veleggiai fuori del-

la città, ripercorrendo il sentiero periferico attraverso il quale ero

entrato in essa……

(C. Cantù, Il Sacro Macello di Valtellina)

 

 

 

 

 

 

cv15.jpgbis

 

OBSESSOS (10)ultima modifica: 2014-05-28T00:03:43+02:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento