UNO SVEDESE (12)

Precedente capitolo:

Uno svedese (11) &

Una passeggiata

Omnibus_by_Eugène_Atget_1910

Foto del blog:

Che avanzi leggero, o invece sprofondi, nessuno ti vede,

e nessuno ti sente, quando tu invochi, se muori, se resti

sepolto in un letto di fiori… di neve!

Prosegue in:

Nessun superbo ama Dio (né la verità)

Da:

i miei libri

 

 

as6

 

 

 

 

 

Deserta la strada alle prime luci dell’alba

si trascina, si snoda in lontananza,

a tentoni s’inoltra tra le case,

taglia ed incrocia terreni e vicoli…

ancora più lontano, in un altro quartiere,

s’inerpica, si solleva e diviene una salita.

E lassù le nubi la sovrastano:

la terra finisce, il cielo ha inizio.

 

File di case, muri grigiobruni,

cornicioni, grondaie, ringhiere, balconi,

ciambelle di fornai e spazzole di spezierie,

lastroni di marciapiedi come margini,

pali dei lampioni si stringono insieme,

fiancheggiano la strada di steccati di ferro.

La strada stessa una consunta stinta

passatoia, stesa per la lavatura.

Entro grigiobrune pareti dormono

gli uomini, in attesa di oscuri destini.

Sull’uscio le Nornor attendono

per rinnovare con il nuovo giorno

giochi crudeli con le vite umane.

 

Ora, in lontananza sulla sommità della salita

spunta fuori una testa che si muove,

e due mani che impugnano un bastone –

l’immagine come un miraggio s’innalza,

ed un uomo che spazza la strada

appare sulla salita, il capo tra le nubi;

la scopa solleva un nembo di polvere –

terra e cielo tra le nubi s’incontrano.

(A. Strindberg)

 

 

 

 

 

as10

UNO SVEDESE (12)ultima modifica: 2014-01-26T00:02:11+01:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento