AMMAZZARE IL TEMPO (mondo organico unità feconda…) (15)

Precedente capitolo:

Ammazzare il Tempo (la vita nel suo progredire) (14)

Prosegue in:

Ammazzare il Tempo (finalismo & meccanicismo) (17/16)

Foto del blog:

Ammazzare il Tempo (1)

Ammazzare il Tempo (2)

Da:

i miei libri

 

 

gb49

 

 

 

 

 

Questo è il primo errore del finalismo, che ne porta con sé uno

ancora più grave.

Se la vita realizza un piano, dovrà manifestare, nel suo progre-

dire, un’armonia sempre più perfetta. Così, la casa rispecchia

sempre meglio l’idea dell’architetto a mano a mano che pietre

si aggiungono alle pietre.

 

gb24

 

Se invece l’unità della vita sta interamente nello slancio che la

spinge sulla strada del tempo, l’armonia non si troverà in avan-

ti, ma indietro. L’unità proviene da un vis a tergo: è data all’ini-

zio come impulso, e non posta alla fine come punto di attra-

zione.

Lo slancio, trasmettendosi, si suddivide sempre di più.

La vita, nel suo progredire, si dirama in manifestazioni che, in

virtù della loro origine comune, saranno senz’altro complemen-

tari per certi aspetti, ma che nondimeno resteranno in antagoni-

smo e tra loro incompatibili.

 

gb51

 

La disarmonia tra le specie andrà così accentuandosi.

E sin qui ne abbiamo segnalato solo la causa essenziale.

Abbiamo supposto, per semplificare, che ogni specie acco-

gliesse l’impulso ricevuto per trasmetterlo ad altre specie e

che, in tutte le direzioni in cui la vita si evolve, la propagazio-

ne avvenisse in linea retta.

Ma in realtà ci sono specie che si arrestano, altre che proce-

dono a ritroso.

 

gb54

 

L’evoluzione non è soltanto un movimento in avanti; in molti ca-

si, si osserva un segnare il passo, e più spesso ancora una de-

viazione o un ripiegamento. E’ necessario che sia così, come

dimostreremo più avanti, e le stesse cause che determinano la

scissione del movimento evolutivo fanno sì che la vita, evolven-

dosi, si distragga sovente da se stessa e resti ipnotizzata dal-

la forma che ha appena prodotto.

Ma da ciò risulta un disordine sempre crescente.

 

gb28

 

Un progresso senza dubbio esiste, se con progresso si intende

un continuo avanzare nella direzione determinata da un impulso

originario, ma tale progresso si compie solo sulle due o tre gran-

di linee evolutive in cui si configurano forme sempre più com-

plesse, sempre più elevate: tra queste linee si sviluppa una gran

quantità di strade secondarie dove, per contro, si moltiplicano le

deviazioni, gli arresti e i regressi.

 

gb25

 

Il filosofo che aveva cominciato ponendo il principio secondo cui

ogni particolare si ricollega a un piano globale, quando affronta

l’esame dei fatti si ritrova a passare di delusione in delusione; e

se prima, per non voler riconoscere il ruolo giocato dall’acciden-

te, aveva posto tutto sul medesimo piano, ora è portato a cre-

dere che tutto sia accidentale.

Bisogna invece cominciare con il riconoscere all’accidente la

parte, molto ingente, che gli aspetta. Bisogna riconoscere che

non tutto, in natura, è coerente. Si sarà perciò in grado di de-

terminare i centri attorno ai quali si cristallizza l’incoerenza.

 

gb19

 

E le grandi direzioni lungo le quali la vita si muove sviluppan-

do l’impulso originario.

E’ vero che non si assisterà all’esecuzione dettagliata di un

piano; ma c’è qui qualcosa di più e di meglio della realizza-

zione di un piano.

Un piano costituisce il termine che viene assegnato a un lavo-

ro: esso chiude il futuro configurandone la forma. Di fronte all’-

evoluzione della vita, invece, le porte del futuro restano spalan-

cate.

 

Alvin Langdon Coburn, New York, 1913; THE TUNNEL BUILDERS

 

E’ una creazione che prosegue all’infinito in virtù di un movimen-

to iniziale. Questo movimento costituisce l’unità del mondo orga-

nico, unità feconda, di una ricchezza infinita, superiore a quanto

qualsiasi intelligenza potrebbe sognare, perché l’intelligenza è

soltanto uno dei suoi aspetti o delle sue espressioni.

(H. Bergson, L’evoluzione creatrice)

 

 

 

 

 

gb20

AMMAZZARE IL TEMPO (mondo organico unità feconda…) (15)ultima modifica: 2013-12-02T21:03:37+01:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento