AMMAZZARE IL TEMPO (pensieri eretici-contro-tempo) (6)

Precedenti capitoli:

Ammazzare il Tempo (pensieri eretici contro-tempo) (2/1) &

Ammazzare il Tempo (alla ricerca dell’alchimia della vita) (3)

Ammazzare il Tempo (il nastro della realtà) (5/4)

Prosegue in:

Ammazzare il Tempo (alla ricerca dell’alchimia della vita) (7) &

Ammazzare il Tempo (chi lo ha ucciso?) (9/8)

Foto del blog:

Ammazzare il Tempo (6)

Ammazzare il Tempo (7)

Da:

i miei libri

 

escher2_0preview

 

 

 

 

 

 

(Da: ammazzare il tempo 2)

.…Ed essa va narrata e svelata, va…, accompagnata e rimata lungo

l’ultima mia fatica, di modo che ogni umano, copia fedele della Natura,

ogni viandante, copia fedele della Ragione che nella Terra non più di-

mora…, ed ogni animale antico primo attore della Sfera così evoluta,

possano leggervi altrettanti segreti…, Quinta Essenza del Creato qui

di nuovo pregato e anche narrato, Primo Dio eretico al loro Tempo ora

ammirato…..

Sono partito e fuggito da una vita che non mi concede né onore né de-

coro, l’ho per l’appunto raccontato e svelato nel secondo tomo stampa-

to e donato a l’invisibile e strana figura cara alla Storia, suol apparire co-

me una Finestra mentre mangia una verde Mela, con tanti nomi strani,

e di tutta la Natura vuol essere a forza padrona e dicono anche… sua

signora.

E’ per il vero la nostra nuova e (dicono) vera Regina, la puoi tener in una

mano, e con un semplice cinguettio… curiosare e spiare l’intero mondo

del tuo vicino, goderti anche il suo Paradiso donando a noi il dolce e cal-

do sorriso di un buon Inferno tutto chiuso in un preciso e astuto algoritmo,

ma che ritmo questa vita, che saggezza arguta, che conoscenza così ta-

ciuta….

Per la cronaca della Storia, qui ed ora rimata e a voi narrata…, questa la

nuova Alchimia inventata dai nuovi Dèmoni della Terra, per costringere tut-

ti i loro sudditi a quella schiavitù antica oro della loro Terra, ma che dico,

padrona di ogni vita, di ogni forza, di ogni segreto e libertà all’origine ad

ognuno felicemente donata, dopo averla ben pagata.

Per poi gettarli dentro una trappola antica che sa d’ortica, e spiarli come il

Tempo insegna alla Storia eretica per questa prosa…ora di nuovo come

allora inquisita… nell’algoritmo nuovo di codesta nuova e felice vita.

Questa Quinta Essenza a noi donata, e di cui io mi diletto a narrarne il se-

greto, non appartiene all’arte antica di cui Lullo celebrò l’alchimia, la sua

scienza è sicuramente perfetta e prega la Natura che giammai divora, fu

padre di un Eretico dal suo genio partorito, e per aver chiuso il mondo in un

sigillo non certo figlio di un numero perfetto e preciso, fu bruciato et arso al

fuoco amico del nuovo algoritmo. Se questo è il progresso, certo il Tempo

possiamo dire trascorso in circolo preciso, per questo il Giordano di ereti-

ca memoria muore ogni giorno nel rogo della Storia. Mi perdonino, signori

Inquisitori padroni del Numero e anche dell’algoritmo, se così parlo et scri-

vo del vostro paradiso, ma sappiate che non sono il solo forse neppure il

Secondo.

Così, con mente sempre più arguta, non certo dico io, evoluta, possono

comandare ad ogni spirale ed ogni spirito (ben programmati nel loro

telefonino), e anco, possono, costringerlo a tremare di fronte ad un i-

nutile cavo stabilito o satellite lanciato, nuova stella apostrofata, tanto

di quelle vecchie ne è pieno il cielo antico del nuovo paradiso.

Un tempo erano fili d’erba in un alba dorata e forse anche rimata,

componevo una poesia una strofa una rima, ugual forza del firma-

mento che mi è di aiuto per questo impervio sentiero, perché il nuo-

vo Dio è proprio lassù che ci spia dal suo satellite infinito, anche

adesso in codesta felicità a noi donata ci guarda e scruta per ogni

nobile e fiera avventura.

Che sia guerra taciuta, lo sappiamo, è dono antico di ogni debole natura,

ma noi che non siamo come lui evoluti e neppure ammessi in codesto

nuovo paradiso, ci basta un filo d’erba per sconfiggere quel Ciclope an-

tico, certo ancora c’è chi lo vedrà urlare e far tremare la terra, è lui il

Padrone di ogni strofa e rima, non me ne voglia Imperator della Storia, se

alla sua destrezza, preferiamo la forza della poesia, non è certo nuova,

la guardi bene, poi faccia un sorriso e componga il numerino che ogni

servo da lei ben nutrito correrà a sconfiggere ogni invisibile nemico.

Così quando affoga in ogni mare da lei così ben visto dal suo occhio

così nutrito, non ci racconti una favola che diverrà nuovo mito per o-

gni strofa del suo giornale da lei partorito, la sua penna a sfera atten-

de l’ordine che farà la storia, ma noi siamo infiniti e fedeli alla gnosi

eretica e nemica del Tempo della sua storia antica, da lei ogni giorno

partorita, e la favola sappiamo allietare la parola del fanciullo, che do-

po aver fatto il numerino vedrà il mondo dell’inganno così ben parto-

rito.

Così la Rivoluzione è servita ed anche ben concepita e un nuovo

Impero navigherà nella sua gloriosa memoria, ma io sono Eretico e

non suddito di codesta sua Storia…

 

(G. Lazzari, Misopogon….)

 

 

 

 

es11

AMMAZZARE IL TEMPO (pensieri eretici-contro-tempo) (6)ultima modifica: 2013-11-25T20:46:13+01:00da giuliano106
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento